Perizia e Consulenza Tecnica


    Il codice di procedura penale colloca la perizia tra i “mezzi di prova” e la disciplina negli articoli tra 220 e 232 e 508 c.p.p.

    L’accertamento peritale, rimesso essenzialmente al potere discrezionale del giudice, è ammesso quando occorre svolgere indagini o acquisire dati e valutazioni che richiedono specifiche competenze tecniche, scientifiche o artistiche.

    Anche le altre parti processuali possono richiedere il parere di un esperto ed ottenere una consulenza tecnica di parte da produrre in tribunale.

    Le due figure professionali di riferimento sono, quindi, quelle del perito e del consulente tecnico di parte.

    Con l’importanza che il nuovo processo penale riserva alla prova scientifica, la collaborazione di tecnici professionisti è diventata indispensabile, non solo per il Pm e il Giudice ma anche per l’avvocato “dinamico”, per un’efficace costruzione dell’impianto accusatorio o, di contro, per un’efficace azione difensiva.

Lo Studio Balistico 911 realizza consulenze tecniche e perizie nelle seguenti materie scientifiche

Balistica e balistica forense:

  • analisi armi e munizioni
  • funzionalità delle armi e prove di sparo
  • analisi delle traiettorie
  • recupero proiettili e bossoli test
  • confronti di reperti balistici (bossoli, proiettili ecc) al microscopio comparatore
  • residui dello sparo

Ricerca e analisi impronte latenti su:
  • armi
  • munizioni
Ricostruzione della scena del crimine:
  • eventuale utilizzo del drone
  • eventuale ricostruzione 3D

BPA (analisi delle macchie di sangue)

Datazione inchiostri

Analisi chimiche

Le indagini difensive
Con la l. 397 del 2000 si giunge, almeno su carta, ad una parità sostanziale tra accusa e difesa. L’avvocato diventa portatore del diritto del proprio assistito di difendersi provando. Il diritto di difesa si pone come pilastro del diritto alla prova sancito dall’art.190 c.p.p. e effettivamente garantito dall’art. 327 bis c.p.p. proprio mediante l’utilizzazione della metodologia delle indagini difensive
.
La formazione del legale
Il nuovo avvocato “investigatore” dovrà aver noti almeno i concetti basilari della criminologia e delle scienze forensi. Diventa essenziale la cooperazione con più soggetti tra cui i Consulenti Tecnici, di volta in volta nominati. In tale ottica, l’avvocato dell’indagine sceglierà figure di particolare rilievo capaci di apportare conoscenze di tipo scientifico indispensabili per la squadra.
.